Relazione assemblea 2015

Il mese di marzo è, per il nostro comitato, il mese del  bilancio. Questo termine ha un doppio significato: è sia documento contabile e informativo, redatto annualmente per rappresentare la situazione patrimoniale e finanziaria di una società o di un ente e il risultato economico dell’esercizio,    sia valutazione degli aspetti positivi e negativi di una situazione.
Del primo aspetto parlerà diffusamente il nostro amministratore Angelo, del secondo aspetto mi accingo a fornire il resoconto delle attività svolte in quest’anno sportivo.
Non mi soffermo ovviamente sull’attività ordinaria di programmazione di tornei e campionati, realtà quotidiana ed evidente di un ente sportivo
Vorrei invece partire dal 7 giugno 2014, giorno in cui la presidenza nazionale CSI ha organizzato un incontro con il papa in occasione del Settantesimo di fondazione. Il comitato di Lodi ha raccolto l’invito e ha portato in piazza S. Pietro a Roma le oltre 400 persone appartenenti a diverse società affiliate al CSI di Lodi. Ringrazio vivamente le società e tutti coloro che hanno aiutato  nell’organizzazione della giornata. Questo incontro ha avuto, a mio avviso, una duplice valenza: è stato un’immersione  nella gioia di sentirsi parte di una realtà molto più grande del nostro piccolo comitato e nello stesso tempo ci ha permesso di rafforzare  i valori e le motivazioni del nostro impegno sportivo. 
Momento importante vissuto dal nostro comitato è stato anche l’incontro con il nuovo Vescovo Mons. Malvestiti, avvenuto in occasione del santo Natale. Quest’anno il comitato ha deciso di organizzare il Natale dello sportivo in maniera più soft: l’incontro di preghiera, tenutosi nella cappella della Casa della Gioventù e  presieduto dal Vescovo ed il successivo   scambio di auguri successivi, si è tramutato in un incontro di conoscenza reciproca. A questo incontro hanno partecipato anche i componenti del Coni.
Il nostro è un piccolo comitato ma cerca, seppur con tutti i limiti e le difficoltà  della ristrettezza numerica, di essere parte viva del territorio. In questi ultimi anni ha infatti saputo aprirsi al territorio e collaborare con Enti ed istituzioni che operano a vario titolo nell’ambiente lodigiano. Quest’anno con il comune di Lodi abbiamo partecipato alla Fiera dello sport; con il Banco Popolare abbiamo continuato la collaborazione per la realizzazione della manifestazione  denominata Play All Day,  che ha permesso alle molteplici società sportive del lodigiano  di confrontarsi e a molti bambini, ragazzi e adulti di “provarsi” nelle diverse discipline sportive.  Abbiamo inoltre collaborato con la cooperativa “ Famiglia Nuova di solidarietà e lavoro” nell’organizzazione di un torneo di calcio che ha visto impegnati ragazzi appartenenti alle diverse comunità afferenti alla cooperativa stessa.   Tutte queste attività hanno permesso di acquisire visibilità ma soprattutto di intessere rapporti nuovi con diversi attori che, a vario titolo, si occupano del sociale. 
Accanto a queste attività più “visibili” abbiamo realizzato corsi di formazione che  non erano  finalizzati esclusivamente alla preparazione tecnica dei dirigenti arbitri ed allenatori ma che hanno messo in primo piano anche la funzione educativa che svolge  chi si occupa di sport. 
Sono stati inoltre attivati corsi per l’utilizzo del defibrillatore e corsi tecnici per allenatori di pallavolo e  per refertisti 
L’ obiettivo del nostro comitato è quello di poter organizzare corsi di formazione non solo per la pallavolo ma anche per altre discipline sportive, sempre nell’ottica dell’allenatore- educatore.
 
Quest’anno le società sportive sono state sollecitate a postare sul proprio portale tutta la documentazione  costitutiva  della società stessa; non è questa un’ingerenza indebita ma è un aiuto che forniamo affinchè  i documenti siano sempre accessibili alla società stessa in qualsiasi momento vengano richiesti.  Ricordo che dal prossimo anno non potranno più essere accettate iscrizioni da parte di società prive di Codice Fiscale.
Abbiamo detto che bilancio significa anche vedere ciò che non funziona o funziona poco.
Direi che i punti dolenti del nostro comitato  sono:
1-La scarsa relazione con le realtà oratoriane ( lo sport spesso  non è considerato come mezzo di educazione e/o per raggiungere/agganciare  i ragazzi)
2-La mancanza di ricambio generazionale: vorremmo  avere, all’interno del comitato,  giovani capaci, che sappiano portare idee nuove e che condividano i valori educativi del CSI   
3-La mancanza del calcio giovanile
 
Cosa possiamo fare per risolvere queste criticità? 
 
Voglio, al termine di questo incontro,  ringraziare tutti i collaboratori del comitato, che con serietà, abnegazione e spirito di servizio pongono le loro competenze al servizio del CSI e delle società del lodigiano. Un grazie davvero di cuore a voi. 
 
Un ringraziamento mi sento in dovere di estendere, anche quest’anno,  a Silvia Zaggia che, giovane e  intraprendente, è la voce del CSI sulla pagina che il Cittadino quindicinalmente riserva al nostro comitato. 
Alcune società sportive hanno  accolto l’invito che abbiamo rivolto lo scorso anno in merito all’invio  di articoli  e foto da pubblicare:  estendo nuovamente l’invito a tutti . 
 
Da ultimo rivolgo un ringraziamento speciale a  tutte le società affiliate al CSI, a tutti i dirigenti, allenatori, accompagnatori: il vostro impegno, come ebbi a sottolineare anche l’anno scorso,  è prezioso e la vostra collaborazione indispensabile  
 
Grazie di cuore a tutti e a ciascuno. 
 
 Mario Arrigoni
 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.

  Accetto cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information