5 gennaio 1944: il Battesimo del CSI
Dopo la rinascita del Csi nel 1944, l'associazione incomincia il suo percorso

E' desiderio di tutti noi divulgare la storia del CSI proprio in occasione del suo 70° compleanno. La "prima puntata" era intitolata 1944: Fiocco azzurro a Roma, è nato il Csi!.
Con questo secondo appuntamento vogliamo dunque specificare come e quando il CSI inizia a muovere effettivamente i primi passi: sempre nel 1944 l'Azione Cattolica approva l'istituzione di un'associazione sportiva, a sfondo cattolico, che porti avanti i valori sportivi nell'Italia postbellica. Si sceglie di "battezzare" la nuova associazione col nome di "Centro Sportivo Italiano", con l'intento di sottolineare quanto lo sport educativo sia aperto a tutti, a tutta la Nazione (cosa che non avveniva invece col nonno del Csi, il Fasci).
Luigi Gedda, l'allora presidente della Giac, si fece primo alfiere promotore dei valori ciessini: "sviluppare le attività sportive ed agonistiche guardando ad esse come un valido mezzo di salvaguardia morale e di perfezionamento psico-fisico da diffondersi a tutti gli individui".
Così è stato, anche se il processo in realtà è ancora lungo: il CSI ha oggi più che mai bisogno di tutti noi per poter continuare la sua attività sportivo-educativa!


Silvia Zaggia
14.10.13

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di pi o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy policy.

  Accetto cookies da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information